HOME CONTATTI AGENDA NOTIZIE

NOTIZIE


TOR BELLA MONACA, DE PRIAMO – MOLLICONE (FDI): “MASTERPLAN DI KRIER REALIZZA CITTA’ SOSTENIBILE E COMUNITARIA, SASSOLI RAPPRESENTA EDILIZIA COLLETTIVISTA E CONSUMO TERRITORIO”

04/04/2013

TOR BELLA MONACA, DE PRIAMO – MOLLICONE (FDI): “MASTERPLAN DI KRIER REALIZZA CITTA’ SOSTENIBILE E COMUNITARIA, SASSOLI RAPPRESENTA EDILIZIA COLLETTIVISTA E CONSUMO TERRITORIO”

“La sinistra attacca Tor Bella Monaca perché, a differenza delle precedenti amministrazioni Veltroni e Rutelli, la giunta Alemanno realizza la sostituzione edilizia invece di continuare a consumare territorio come è stato fatto in passato. Il masterplan di Krier che dà gli indirizzi all’operazione dimostra una capacità di visione della città finalmente sostenibile e a supporto di una dimensione comunitaria che l’architettura collettivista degli anni ‘60 e ’70, portata avanti dalla sinistra, ha progressivamente distrutto. L’auspicabile approvazione della delibera del progetto di trasformazione di Tor Bella Monaca, seppur tardiva, è un segnale positivo verso un’impostazione urbanistica che va in una direzione di discontinuità rispetto a quella visione della città portata avanti nei precedenti anni dal centrosinistra, che come sappiamo è poi culminata nell’approvazione del piano regolatore vigente. Sui temi urbanistici la giunta Alemanno avrebbe potuto compiere passi ulteriori, se non fosse stato per l’ostruzionismo strumentale e demagogico dell’opposizione. Ne è dimostrazione il fatto che uno dei candidati più accreditati alle primarie del centrosinistra, Sassoli, ha presentato oggi un progetto alternativo che non prevede il ricorso alla sostituzione edilizia. A nostro avviso, invece, è prioritario riqualificare attraverso questo principio che prevede non solo la demolizione di edifici massificati ma, soprattutto, la ricostruzione di quartieri a misura d’uomo. Il progetto di Sassoli invece denota una visione conservatrice dell’urbanistica che proviene dalla parte politica che ha la maggior responsabilità nella realizzazione di quartieri privi di identità, di luoghi d’aggregazione sociale, di servizi primari e infrastrutture. Il futuro dell’urbanistica non è di espansione e di consumo del territorio, ma di riqualificazione e rigenerazione urbana”.

È quanto dichiarano in una nota Andrea De Priamo, presidente della commissione Ambiente, e Federico Mollicone, presidente della commissione Cultura di Roma Capitale, esponenti di Fratelli d’Italia.

[torna alla sezione notizie]

 

IL POLITICO

SITI CONSIGLIATI

Andrea De Priamo
info@andreadepriamo.it