HOME CONTATTI AGENDA NOTIZIE

NOTIZIE


FOIBE, DE PRIAMO-MOLLICONE (FDI): "MARINO VERGOGNA"

20/01/2014

FOIBE, DE PRIAMO-MOLLICONE (FDI): "MARINO VERGOGNA"

(OMNIROMA) Roma, 20 GEN - "Definanziare o peggio ancora cancellare i 'Viaggi della Memoria' rappresenta oltreché un oltraggio alla memoria anche un atto illegale. Roma Capitale, con l'ottimo lavoro svolto dall'allora assessore alla Scuola Laura Marsilio, tracciò la strada per tenere viva la memoria storica nella nostra città e l'istituzione dei 'viaggi' nacque appunto con l'obiettivo di conservare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe e dell'esodo degli istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre nel secondo dopoguerra". E' quanto dichiarano, in una nota congiunta, gli esponenti di Fratelli d'Italia, Andrea De Priamo portavoce romano e Federico Mollicone, vice responsabile Dipartimento nazionale Comunicazione.
"In questi anni Roma e i romani - aggiunge - hanno dimostrato su questo tema grande solidarietà e accoglienza, ricordiamo che Roma ha dedicato ai martiri delle foibe la 'Casa del Ricordo' nella quale celebrare la tragedia e mantenere viva la memoria perché non accada più e una targa toponomastica nel rione Esquilino, a Santa Croce in Gerusalemme luogo in cui vennero accolti i profughi provenienti dalle martoriate terre del Confine orientale e scampati alla criminale e sanguinosa pulizia etnica del maresciallo Tito. Il sindaco Marino si vergogni per questo oltraggio alla memoria a cui deve porre subito fine. Solidarizziamo con le associazioni degli esuli e chiediamo al Ministro Carrozza di applicare la legge dello Stato, numero 92 del 2004, che ha istituito il ‘Giorno del Ricordo’ e di promuovere eventi e incontri nelle scuole".
"Sarebbe bello se gli istituti proiettassero il dvd di 'Magazzino 18', la pièce teatrale di e con Simone Cristicchi che racconta la tragedia dell'esodo e delle foibe in modo esemplare e obiettivo. Un’obiettività coraggiosa costata cara al cantautore e attore, per le reazioni assurde da parte dell'Anpi e di quelle realtà per cui le foibe furono ‘solo cavità carsiche’ e una legittima reazione antifascista, mentre lì a morire furono migliaia di persone solo perché italiani", conclude la nota.


[torna alla sezione notizie]

 

IL POLITICO

SITI CONSIGLIATI

Andrea De Priamo
info@andreadepriamo.it