HOME CONTATTI AGENDA NOTIZIE

NOTIZIE


CASALE PAPILLO, FDI: “SANTORO NON SI PIEGHI A RICATTO OCCUPANTI"

11/02/2014

CASALE PAPILLO, FDI: “SANTORO NON SI PIEGHI A RICATTO OCCUPANTI"

(OMNIROMA) Roma, 11 FEB - “Da mesi Fratelli d’Italia denuncia a gran voce, anche attraverso una mozione a nostra firma diretta al presidente Santoro e con un’interrogazione presentata dal capogruppo in Campidoglio Fabrizio Ghera, di avviare e procedere allo sgombero e al recupero del casale del Papillo, stabile di proprietà comunale occupato illegalmente da abusivi". E’ quanto dichiarano in una nota gli esponenti di Fratelli d’Italia, Andrea De Priamo dirigente romano, e Simone Sordini capogruppo nel Municipio IX: "Quanto accaduto stamane nel Municipio IX con l’occupazione dell’aula è gravissimo. - prosegue la nota - E’ stata messa a rischio, infatti, la sicurezza e la libertà di voto dei consiglieri municipali. Il consigliere doveva votare una mozione approvata in due commissioni, atto che chiede di ripristinare legalità al casale del Papillo, che da convenzione spetterebbe ai cittadini ed è invece occupato da centri sociali ed extra comunitari dalla scorsa estate. Gli occupanti hanno disturbato i lavori, insultando sia i cittadini che consiglieri, impedendo di fatto la discussione della mozione. Auspichiamo che la maggioranza del presidente Santoro non si pieghi a questo ricatto e porti in votazione l'atto così come approvato dalle commissioni in modo da ottenere al più presto il recupero dell'immobile alla sua destinazione come richiesto dai residenti, che peraltro stanno pagando le utenze abusivamente allacciate dagli occupanti. Fratelli d’Italia nel ribadire il proprio impegno al fianco degli inquilini delle case popolari e dei soggetti socialmente svantaggiati, ai quali esprimiamo solidarietà e vicinanza, chiede al presidente Santoro e al sindaco Marino di procedere allo sgombero del Casale Papillo e ripristinare la legalità sul territorio”.

[torna alla sezione notizie]

 

IL POLITICO

SITI CONSIGLIATI

Andrea De Priamo
info@andreadepriamo.it